I fumetti sul web che vi segnalo qui sono alcuni tra quelli che ritengo più interessanti. Ovviamente questo elenco non può e non vuole essere completo, però vi consiglio di tornare a visitare questa pagina di tanto in tanto perché intendo aggiornarla periodicamente con le mie nuove scoperte fumettistiche in giro per la rete. Non una banale pagina dei link (ormai pare che non si usi più) ma una scelta ragionata e, per quanto possibile, rappresentativa di questo fenomeno ormai consolidato, di cui modestamente ho fatto parte quasi dall’inizio (il mio primo sito a fumetti risale al 2001).

Non vi sarà sfuggito che il nome scelto per questo elenco – Fumetti sul Web – è lo stesso del sito/community che ho fondato e gestito dal 2010 fino al 2016. È un modo per mantenere vivo un discorso interrotto, iniziato anni prima con la storica directory Nuvolelettriche.it e proseguito poi col sito di cui sopra. L’elenco che vi propongo è anche un promemoria per me stesso, per facilitarmi il percorso ogni volta che voglio leggere qualche buon webcomic. Ecco le mie proposte (cliccate sui titoli per visitare i siti).

 

Fumetti sul web suggeriti da Fam

 

RX Strip

rxstrip
© RX Strip

RX racconta le storie di uno studente universitario, poi divenuto ingegnere, alle prese con le responsabilità dell’età adulta e le pulsioni post-adolescenziali che ancora affiorano nel suo carattere. Tra storie d’amore più (alcune) o meno (quasi tutte) riuscite e amicizie ruspanti ma sincere, RX mi ha sempre fatto ridere e ho avuto anche il piacere di incontrarlo qualche volta. Fa ridere anche dal vivo.

paragrafo

Mazzate

striscia proletaria - webcomic italiano
© Squadra Cazzate

E ora… MAZZATE! L’hai detto, l’hai capito! Con questo chiarissimo slogan si presenta il sito più folle detta rete, dove è possibile trovare le creazioni fumettistiche della Squadra Cazzate, un collettivo di autori umani e un cane (pare che quest’ultimo sia il più intelligente del gruppo). Tra i fumetti sul web più interessanti: Cronache Mazzate, La striscia proletaria e Il Bosco delle Minchiate.

paragrafo

Vermi di Rouge

vermi di rouge
@ Rouge

Tra i Fumetti sul Web che seguo più volentieri, i Vermi di Rouge occupano un posto particolare. Queste vignette su sfondo giallo con protagonisti degli esserini striscianti sono una ironica e talvolta amara rappresentazione della nostra società. Le opere di Rouge oltre a rappresentarla, fanno anche parte della vita di alcune città del nord, dove appaiono in forma di murales.

paragrafo

Il blog dell’Orso Ciccione

orso ciccione
@ Orso Ciccione

Neko e Kuma, ovvero la Gatta Bastarda e l’Orso Ciccione, sono i protagonisti di questa striscia. Un orso innamorato perdutamente di una gatta che, pur ricambiando a suo modo il sentimento, non perde occasione per umiliare il suo compagno e sottoporlo ad ogni tipo di angheria. Chi non vorrebbe vivere una storia d’amore così?

paragrafo

Due Cuori e una Gatta

due cuori e una gatta
@ Kaneda

Quando la vita di coppia viene viene movimentata da una morbidissima terza incomoda, le sorprese non mancano. La vera padrona di casa insegna ogni giorno nuove regole del vivere felino a cui gli stupidi umani devono sottostare, infatti sul sito è possibile trovare un completo manuale di sopravvivenza per gatti. Consigliato ai gattari.

paragrafo

Crazy Nena

crazy nena
@ Serena Romio

Come nella migliore tradizione delle coppie fumettistiche, le avventure di Crazy Nena si presentano come un brillante affresco di vita quotidiana. La piccola Nena deve affrontare la lavatrice, la bilancia, la blatta e altri esseri meccanici o organici che siano, pronti a metterle la casa sottosopra. Nel blog si possono apprezzare anche vignette singole e illustrazioni dell’autrice di questa serie: Serena Romio.

paragrafo

Lele Corvi

lele corvi
© Lele Corvi

Attivo fin dagli albori della rete con strisce come Crow Village e Tobia, Lele Corvi disegna strisce per l’Eco di Bergamo, Avvenire, il Cittadino e, con lo pseudonimo di Beppe Beppetti, per Edicola Fiore. I suoi fumetti sul web si sono alternati nel tempo con numerosi avatar ma non so se sono autorizzato a rivelarli, quindi, divertitevi voi a scoprirli. Se ci riuscite.

paragrafo

Scottecs Comics

scottecs comics
@ Sio

Questo magari lo avete già sentito nominare. È quello di cui tutti dicono che si potrebbero fare fumetti come li fa lui ma nessuno è capace di farli come li fa lui. Perché lui fa proprio ridere, è un talento naturale e io i suoi fumetti li leggo da molti anni, da quando Sio era uno studente di liceo e postava le sue prime strisce su un blog. Ora è una celebrità. Ben gli sta.

paragrafo

Anacanapana

anacanapana fumetti sul web
© G.Moeri

Il blog di Anacanapana è forse il più attento divulgatore di strisce americane. Il suo autore è G.Moeri, autore a sua volta di strisce e storie a fumetti quali Vinus, la sua prima apparizione sul web, e Zerozeroamici, una serie che riprende il classico formato del nero all’italiana che ha avuto anche una diffusione in fumetteria tramite l’editore Cartoon Club. Ciclicamente e aperiodicamente Anacanapana esce anche su carta.

paragrafo

Millevignette

ignant
© Ignant

Questo è il blog di Ignant, secondo me il più cattivo vignettista della rete, e già solo per questo meritevole di rispetto. Non è facile da collocare politicamente benché molte sue strisce siano politicissime, qualcuno potrebbe collocarlo forse a sinistra ma dargli del “buonista” è veramente difficile. Ve l’ho già detto che è il più cattivo?

paragrafo

Zerocalcare

zerocalcare
© Zerocalcare

Michele Rech, meglio noto come Zerocalcare è un blogger-fumettista che racconta le sue vicende quotidiane in forma di brevi racconti a fumetti. Fin qui nulla di nuovo, l’autobiografia a fumetti è diventato un vero e proprio genere con l’avvento della rete. L’originalità dei fumetti sul web di Zerocalcare sta nel racconto della periferie romana, che diventa periferia italiana o, se preferite, dell’impero.paragrafo

 

Graphic News

graphic news
© Graphic News

Graphic News è un portale di graphic journalism, ovvero giornalismo a fumetti, creato dall’associazione Mirada di Ravenna e dalla cooperativa Pequod di Bologna. Attraverso i disegni e i testi vengono svolte inchieste, raccontati fatti e riflessioni sui temi di attualità. I fumetti sono presentati in forma di veri e propri webcomic da “navigare”, proponendo un’esperienza ricca e innovativa.

paragrafo

 

Mammaiuto

mammaiuto - fumetti sul web
© mammaiuto

Tra i webcomic italiani il collettivo Mammaiuto si distingue per il progetto, che si presenta come una vera e propria rivista digitale con serie ricorrenti e storie autoconclusive. Oltre all’attività sul web il collettivo è attivo anche come casa editrice, dando così consistenza a un progetto che prosegue su carta il discorso iniziato sul web. Una vera antologia del nuovo fumetto italiano.

paragrafo

 

Cryx Comics

cryx comics
© Cryx

Il diario a fumetti di un sistemista, tra citazioni e rimandi all’immaginario contemporaneo “nerd oriented” (ho coniato un neologismo?). Le storie sono presentate come veri e propri cicli narrativi e sono spesso raccolte in volumi cartacei. Più che un blog il sito di Cryx si presenta come una raccolta di storie da leggere tutte intere e da esplorare ciclicamente.

paragrafo

 

Tartarotti

tartarotti
© Stefano Tartarotti

Il blog di Stefano Tartarotti propone vignette e storie. Come accade spesso nei webcomic il taglio è autobiografico ma la visione è decisamente più ampia, dato che le vicende riflettono sulle questioni più spinose del nostro tempo, tra politica e società. Oltre ai fumetti sul web l’autore vanta un nutrito curriculum di collaborazioni cartacee.

paragrafo

 

Natangelo

natangelo
© Natangelo

Vignettista ufficiale del Fatto Quotidiano (nessuno è perfetto), ha collaborato con Linus, Smemoranda e L’Unità. Nel suo blog ripropone le sue strisce e vignette satiriche con piglio dispettoso e autoironico, ma se il lettore riesce a decifrare i fatti che lo riguardano più o meno direttamente capirà che l’ironia ha una portata ben più vasta del piccolo mondo di un disegnatore di fumetti.

 

Altri webcomic italiani e fumetti sul web

In coda a questo elenco, tutt’altro che esaustivo, mi fa piacere citare alcuni webcomic che ho seguito e che purtroppo hanno interrotto le pubblicazioni. I blog di cui vi parlo sono ancora presenti in rete e quindi, per chi non li conosce, potrebbero esser l’occasione di scoprire quegli autori che hanno contribuito in maniera determinante a creare questo linguaggio. Mi riferisco in particolare a eriadan (rigorosamente con l’iniziale minuscola), Zorflick, Canemucca e tanti altri che prima o poi segnalerò.

Un’ultima parola la dedico a quanti realizzano webcomic e passando di qui avessero intenzione di segnalarmi il proprio fumetto da aggiungere a questo elenco. I motivi per cui non vi ho ancora inserito possono essere due: o non conosco il vostro lavoro oppure non mi piace il vostro lavoro. Se volete togliervi il dubbio scrivetemi pure.